Praim, una storia di Thin Client

Praim, una storia di Thin Client

Intervista a Stefano Bonmassar, responsabile marketing di Praim, azienda in prima fila nello sviluppo di soluzioni Thin & Zero Client

di: Redazione del 21/11/2016 16:32

Enterprise Management
 
“Nonostante la volatilità degli investimenti in Information Technology che si è evidenziata in questo ultimo periodo, i clienti si dimostrano attenti a tutto ciò che può portare nuova efficienza e produttività in azienda, afferma Stefano Bonmassar, Chief Sales & Marketing Officer di Praim, azienda che si è guadagnata un posto in prima fila nello sviluppo di soluzioni Thin & Zero Client, soluzioni che si sono affermate per essere un elemento di razionalizzazione e ottimizzazione dei sistemi informativi aziendali.  

stefano-bonnmassa-praim-lug2016-1-.jpg
Le organizzazioni IT devono ricercare soluzioni per ottimizzare il proprio ambiente informativo e ridurre il TCO, salvaguardando e al tempo stesso migliorando le performance complessive dell’infrastruttura IT, dice Bonmassar. Per noi è importante continuare a innovare per offrire all’interno del nostro portfolio anche soluzioni verticali – come ad esempio i nuovi modelli Zero Client con Sistema Operativo Praim ThinOX dedicati alle specifiche infrastrutture VDI, con soluzioni Citrix oppure Microsoft oppure VMware.

“Se inizialmente l’infrastruttura VDI era una tecnologia che poteva essere adottata da un numero limitato aziende, tipicamente enterprise - spiega Bonmassar - nel corso del tempo si è dimostrata essere un’opzione alla portata anche delle aziende con un minore numero di utenti, grazie alla semplificazione delle soluzioni infrastrutturali disponibili nel mercato e grazie ai vantaggi concreti che può introdurre. In questo passaggio l’attore principale è oggi il cloud che sta permettendo di offrire soluzioni di virtualizzazione del desktop o applicativa as a service, abbattendo gli investimenti iniziali di infrastruttura per le piccole e medie aziende".

"In questo scenario, aggiunge Bonmassar, l’ultimo anello della catena per ottimizzare i costi e semplificare la gestione è l’endpoint di accesso, che per molte postazioni di lavoro trova la migliore soluzione in un dispositivo Thin Client, facile da amministrare, sicuro, ottimizzato e con consumi energetici ridottissimi".

Per far fronte alle richieste di prodotti sempre più interoperabili e flessibili, Praim ha annunciato una nuova serie di modelli, la Serie Neutrino, che va ad arricchire il portfolio Thin & Zero Client. I dispositivi - affermano in Praim - utilizzano la nuova generazione di processori Intel Celeron Dual Core e hanno consumi energetici fra i più bassi della categoria, nell’ordine dei 3 Watt.

Nel dettaglio, la piattaforma Intel Celeron N2807, su cui si basano tutti i modelli della gamma, è un processore Dual Core SoC 1.6 GHz, con burst frequency 2.16GHz e GPU Intel HD Graphics Gen7 integrata. I modelli offrono supporto nativo per il doppio monitor DVI con risoluzione 1920x1200, quattro porte USB - di cui tre USB 2.0 frontali ed una USB 3.0 sul retro -, connettività LAN Gigabit, mouse e tastiera USB, audio in/out, altoparlante integrato. La scheda opzionale Wi-Fi Intel Dual Band con protocollo standard 802.11ac e doppia antenna esterna, consente connessioni fino a 433 Mbps tramite reti wireless grazie alle due antenne esterne orientabili.

I nuovi modelli Neutrino rappresentano la perfetta evoluzione all'interno della gamma prodotti Dual Core – spiega Stefano Bonmassar, – e consentono alle aziende di dotarsi di un Thin Client dalle ottime prestazioni con un posizionamento di prezzo estremamente competitivo. Neutrino include le versioni più recenti dei sistemi operativi, sia Praim ThinOX 10 che Microsoft Windows 10 IoT Enterprise. I nostri clienti possono avvalersi degli standard di accesso alle infrastrutture più recenti, siano esse on premise oppure Cloud, mantenendo elevati gli standard di controllo e gestione tipici della soluzione Praim”.

Inoltre, nella gamma Thin Client con sistema operativo Embedded Microsoft, in particolare per i nuovi modelli con Microsoft Windows IoT, Praim ha rilasciato la nuova funzionalità Praim AGILE, in grado di sfruttare tutta l’elasticità e potenza del sistema operativo Microsoft ma con una modalità Zero Client windows. Praim AGILE offre un accesso diretto, sicuro e semplificato alle specifiche risorse on premise o cloud che l’azienda decide di rendere disponibili all’operatore, mantenendo una elevato controllo centralizzato del dispositivo endpoint, elemento di distinzione della soluzione Praim. 

Continuiamo a operare in modo intenso e proficuo per sviluppare nuove e performanti soluzioni che si integrino in modo completo con le tecnologie di virtualizzazione dei nostri partner, per consentire la massima interoperabilità e ottimizzazione, riducendo la complessità di gestione e i costi di investimento globali,” conclude Bonmassar.
Tag notizia:

Cosa ne pensi di questa notizia?

Attualità

...continua

Opinioni e Commenti

...continua