La trasformazione delle telco è una questione di cultura

La trasformazione delle telco è una questione di cultura

Oggi le telco possono impiegare mesi per proporre nuovi servizi, mentre i consumatori vogliono accedervi in ore, se non in minuti.

di: Santiago Madruga, head of EMEA Telco & ICT at Red del 07/07/2017 09:40

Technology
 
Santiago Madruga, head of EMEA Telco & ICT at Red Hat, in questo articolo delinea la trasformazione delle Telco in uno scenario di business che si sta modificando velocemente.
santiago-madruga-red-hat.jpg

"La trasformazione digitale delle telco richiederà un cambiamento culturale oltre che tecnologico. Mutamento che sta già iniziando e che, in molti casi, può essere descritto come ‘un’apertura’. Apertura della struttura interna, della mentalità verso nuovi approcci ingegneristici e della disponibilità a collaborare in un ecosistema che evolve.
Da un punto di vista organizzativo c’è l’esigenza di abbattere i silos tra la rete e l’IT dell’attività telco. Tradizionalmente le società di telecomunicazioni hanno mantenuto una netta separazione tra CIO e CTO, ma oggi che guardano a virtualizzazione, cloud e approcci software-defined questo confine non è più così evidente. Se le telco devono avvalersi della nuova ondata di tecnologie per offrire servizi agli utenti in modo più rapido, i mondi IT e quello di rete devono collaborare più da vicino, e aprirsi per consentire il flusso di informazioni tra le diverse parti del business.
Vediamo che il mutamento è già in corso. I carrier sono da sempre restii al rischio, e a ragion veduta: caratterizzati da una struttura monolitica è stato molto difficile per loro muoversi rapidamente.
Ma oggi alcuni dei principali CSP stanno dando vita al ruolo del chief digital officer e hanno iniziato a fondere le funzioni del CIO e del CTO, abilitando la condivisione di best practice in azienda. Dal punto vista ingegneristico, DevOps può ridurre gli interventi manuali e incrementare l’automazione. Può essere considerato l’approccio culturale che fluisce attraverso lo sviluppo software e il ciclo di vita dell’implementazione e che abbraccia l’evoluzione rapida e continua di feature e funzionalità.
Oggi le telco possono impiegare mesi per proporre nuovi servizi, mentre i consumatori vogliono accedervi in ore, se non in minuti. DevOps è in grado di catalizzare un nuovo e agile modo di pensare. Il movimento verso un’architettura virtuale software-defined sta modificando le economie e le dinamiche del mercato, ridisegnando la concorrenza e stravolgendo i rapporti tradizionali.
Mentre prima gli operatori puntavano sull’integrazione di soluzioni verticali offerte da noti network equipment provider, l’approccio NFV cambia le carte in tavola disaccoppiando hardware e software e aprendo la strada a nuovi player.
Aggiungiamo l’open source – proposta che molti stanno considerando per via del più breve time to innovation - e gli operatori sono slegati da tecnologie proprietarie e liberi di scegliere il vendor che più soddisfa le loro esigenze in un qualunque momento. L’open source non è solo una tecnologia, ma una cultura, un modo di lavorare.
Le comunità di sviluppatori di diverse organizzazioni collaborano per un obiettivo comune, condividendo idee per trovare nuovi modi di affrontare le sfide. I carrier, che non hanno generalmente potuto godere di enormi budget di ricerca e sviluppo, oggi possono rivolgersi alle comunità open source, come OpenStack, per potenziare l’innovazione accedendo agli sviluppatori del mondo software-defined, e attingendo alle comunità esistenti per tecnologie e best practice innovative.
Le aziende digitali pure-play che stanno rivoluzionando il settore delle telecomunicazioni usano l’open source da tempo per incrementare la competitività e accelerare la modernizzazione. Oggi le telco hanno la possibilità di fare lo stesso, e vediamo i loro investimenti in open source in settori quali l’IoT, 5G, SDN e video delivery.
Un ripensamento culturale fa parte di questo cambiamento a mano a mano che le telco cercano di creare internamente le condizioni per trarre vantaggio dalla metodologia open source.
Per avere successo, la digitalizzazione sarà guidata da un ecosistema di tecnologie e partner che collaborano per offrire maggiori interoperabilità, performance e funzionalità. Se le telco abbracciano questo approccio basato su apertura e collaborazione, il settore potrà dare vita a una nuova generazione di reti e standard per fornire massimo valore alle società di telecomunicazioni, alle aziende e agli utenti a cui si rivolgono".
Tag notizia:

Cosa ne pensi di questa notizia?

Attualità

...continua

Opinioni e Commenti

...continua